Torna a documenti shiatsu

Sommario :

introduzione   associazione nei moventi energetici  descrizione generale 

prima parte - movimento legno 

 seconda parte movimento metallo

terza parte    movimento fuoco

 

PRESENTAZIONE

Alla fine di tre anni di scuola mi sono chiesto se il mio poco sapere poteva
essere messo in discussione per capire se avevo capito (ardua impresa).  Ho
incominciato a scrivere "volgari appunti" di tre anni di scuola su file, per
poterli divulgare più velocemente possibile. Faccio presente che sono
perfettamente cosciente del fatto che sono appunti, e non un trattato di MTC
(che Dio me ne scampi di avere anche tra dieci anni la presunzione di
credere di essere arrivato).
Chiedo a Voi che state leggendo, di far sì che possano diventare interattivi
a tutti coloro che vogliano migliorare il contenuto.
Sono infinitamente grato già di essere arrivato a leggere sino a questo
punto, il resto è tutto ciò che potremo fare insieme.
Guglielmo

 Associazione nei movimenti energetici ( Prima parte)

TAI YANG

Shou meridiano di piccolo Intestino                        (FUOCO)

Zu            meridiano di vescica                            (ACQUA)

 

E’ lo yang che ha il rapporto con l’esterno.

E’ nella parte più esterna – schiena. Corrispondente all’età materna maschile

Gli corrisponde il FREDDO

 

SHAO YANG

Shou meridiano di  Triplice Riscaldatore                  (FUOCO)

Zu            meridiano di vescicola Biliare               (LEGNO)

 

E’ lo Yang intermedio, è il rapporto dell’esterno con l’interno; situato nello spazio intermedio, linea ascellare. Corrisponde all’età puberale dell’uomo.

Gli corrisponde il FUOCO

 

JUE YANG – YANG MING

Shou meridiano di Grande Intestino                                    (METALLO)

Zu meridiano di Stomaco                                                           (TERRA)

 

E’ lo Yang che si apre verso l’interno.Situato nello spazio frontale esterno molto vicino allo Yin. Corrisponde alla vecchiaia dell’uomo.

Gli corrisponde la SECCHEZZA.

 

TAI YIN

Shou meridiano di Polmone                                (METALLO)

Zu             meridiano di Milza                                ( TERRA)

 

E’ lo Yin che si apre verso l’esterno. Si collega allo Yang piu’ smorzato. Corrisponde all’eta’ materna femminile.

Gli corrisponde l’UMIDITA’.

 

JUE YIN

Shou meridiano di Ministro del cuore               (FUOCO)

Zu            meridiano di Fegato                              (LEGNO)

 

E’ lo Yin mediano, cerniera tra altri due Yin. E’ la donna nella vecchiaia. E’ lo Yin spossato.

Gli corrisponde il VENTO.

 

SHAO YIN

Shou meridiano di Cuore                                               (FUOCO)

Zu            meridiano di Rene                                (ACQUA)

 

E’ lo Yin più profondo,dove nasce la vita.Ha a che fare con la creazione: La donna è shao yin nell’età puberale.

Gli corrisponde il CALORE:


Il Ci nel suo processo di creazione si specializza e si distingue in tre modi di essere:

1.          Tai            grande, maturo, adulto

2.         Shou            mediano, giovane, acerbo

3.        Jue piccolo, vecchio, sfinito

 

Queste energie hanno un aspetto Yang e uno Yin

L’uomo subisce l’influenza dei soffi prodotti dalla terra sotto l’influenza del cielo perciò si ha 3 x 2 = energie celesti.

 

 

·        LIU CI

 

I sei soffi si dividono in Yin e Yang così disposti :

 

Tai Yang                       Tai Yin

Shao Yang                    Shao Yin

Yang Ming                    Jue Yin

 

Sono contrapposti e complementari ai cinque movimenti d’origine terrestre. La combinazione di queste due forze fa’ nascere i climi.

 

Tai Yang – freddo               Tai Yin – umidità

Shao Yang – Fuoco               Shao Yin – calore

Yang Ming – secchezza            Jue Yin – Vento

 

Queste attività producono una particolare essenza e attraggono un’essenza complementare, di tipo opposto. L’energia Tai Yang provoca il freddo e corrisponde all’Inverno, dove tutto e’ immobile.

Le è contrapposta l’energia Shao Yin che corrisponde all’Estate, provoca calore che invece espande e fa circolare ( anche come energia che viene dall’esterno).

Anche Shao Yang è associato all’estate provoca fuoco. Corrisponde al calore interno provocato dallo sfregamento degli atomi ( energia cinetica). Esso e’ collegato allo Jue Yin che corrisponde alla Primavera e all’attività vento. Il movimento lento delle molecole all’interno del corpo e’ come il movimento calmo del vento all’esterno.

Vento come soffio calmo e sottile, come la respirazione di un saggio in meditazione. Questa respirazione rappresenta il movimento della vita al minimo nello scambio con l’esterno come il calore che emana da un corpo, corrisponde al mantenimento del calore minimo per la prosecuzione della vita all’interno della stessa.

Tai Yin corrisponde alla fine dell’estate e all’umidità. Quest’ attività produce stagnazione e immobilità penetrando e gonfiando. E’ contrapposta allo Yang Ming che corrisponde alla secchezza e all’autunno quando tutto si secca e si contrae.

La combinazione delle sei energie celesti con i cinque movimenti fa scatenare i climi. Se le energie sono in accordo con  il movimento, vi sarà prosperità ;altrimenti avremmo perturbazioni.

 

 

 

 

 

seconda parte

 

 

  Movimento: LEGNO

 

Meridiano YIN: Fegato Zu Jue Yin

Meridiano YANG: Vescicola biliare Zu Shao Yang

 

Esprime un’entità individuale, ed è una forza della natura, la forza primordiale che dà la vita:

La PRIMAVERA

Caratteristica del Legno è la FLESSIBILITA’, perché è vivo.

La caratteristica “militare “ del Legno è F che è il Generale, pianifica, elabora le strategie. V.B. è il Comandante in Campo, mette in pratica gli ordini. Non è una forza necessariamente apprensiva, ma è competitiva. Essa dà la capacità di convivere armoniosamente (a sestante, ma anche in comunità); se si osserva un bosco, si vede la competizione delle piante per raggiungere la luce. Nell’albero, si trova il senso d’individualità, ma anche di collettività, con la capacità di convivere armoniosamente essendo esso molto adattabile. Lo stimolo a crescere è forte e non sopporta ostacoli. E’ la voglia di continuare ad esistere.

E’ la rappresentazione simbolica della FLESSIBILITA’ dovuta al fatto che è vivo.

E’ la fase di pianificazione e la possibilità di prendere decisioni (organizzare la vita), dando la capacità d’espressione della propria persona (perché non legati ad un gruppo sociale, gli eremiti mancano di questa funzione).

Il F ospita lo HUN, ossia l’anima eterna, che collega il corpo alla personalità rendendo così possibile la vita d’ogni individuo. Non è una forza solo individuale, ma collettiva, atomica, familiare. In antichità c’era il culto degli avi, vi era la presenza di quest’anima che protegge i componenti della famiglia. L’HUN individuale è quello che si stacca quando ci sono i viaggi astrali.

Le società si coalizzano, gli uomini flessibili coesistono assieme, si cercano. Anche la capacità di realizzarsi individualmente è legata all’aspetto Legno. E’ legata all’aspetto sociale e al riconoscimento, essendo quello che ci fa combattere per il nostro benessere e per quello delle persone vicino a noi.

Il Ki del Legno è Yang ed il suo movimento è dal basso verso l’alto. Se è armonico, si distribuisce uniformemente; se non lo è (F stagnante) va in orizzontale provocando dolori di diverso tipo.

L’emozione negativa del Legno è la COLLERA. Quest’energia ha molta forza.

“L’io sono” deve essere bilanciato da un gruppo per esaltare la sua individualità.

L’eccesso di rabbia, causa esorbitanza di Ki e provoca mal di testa, problemi agli occhi, faccia arrossata, pressione alta. Se la forza della repressione è alta, la rabbia non si esprime ma si dirama più lentamente bloccando gola – spalla – bacino – diaframma. Molto comune nelle donne, addestrate a tenerla sotto controllo, sino a dirigerla contro di sé sfociando in depressione.

L’importante è NON STAGNARE, ma trasformarsi, non rimanere con le stesse sensazioni es.: eccitazione, rabbia, ecc., perché danno disfunzioni organiche.

Su se stessi si esprime con la depressione.

La rabbia sparisce quando si riesce ad essere riconosciuti nell’ambito delle qualità che si vogliono esprimere. Il Legno è la persona che riesce molto bene a creare perché è un gradino sopra gli altri.

 

Stagione                               Primavere                                           Direzione   Est

Energie cosmiche                 Vento                                                  Mutazioni         Nascita

Colore                                 Verde                                                  Sapore               Acido

Organi                                  Fegato                                                Viscere         Vescicola Biliare

Organi di senso                     Occhi                                                  Parti del corpo Muscoli-Tendini

Emozioni                              Collera                                                 Voce          Grido

Odore                                   Rancido

 

·        Colore: Verde, si riesce a far diagnosi anche sulla pelle (raro)

·        Suono: Grido, perché attira l’attenzione

·        Odore: Rancido, come carne in putrefazione

·        Organo di senso: Occhi: vedo e pianifico

- miopi o presbiti: deficit di sangue, F¯ (mangiare di più)

- occhi secchi: poco yin di F, poche cellule

- occhi rossi: ­di fuoco

- gialli: muco nella cistifellea da alimenti (evitare le spezie)

·        Gusto: Acido, che contrae, perché reprime la rabbia, es.: donne acide

-sia eccessiva attrazione che rifiuto del gusto acido significano squilibrio.

·        Stagione- Primavera: dà stanchezza per l’accumulo di tossine depositate che sono messe in circolo con essa

-Legno collegato con il ciclo mestruale (abbattere per rinascere)

Clima- Vento: dolori forti e acuti che si muovono all’interno del corpo (mali che si muovono) es. ictus che fà perdere la consapevolezza, motilità. Collasso =¯¯¯ Legno. Ansia (dà tremori, spasmi,) ecc.

-Se il vento dà fastidio o piace troppo, denota uno  squilibrio diel Legno


 

Secondo Masunaga:

Lo scopo del Legno- Tutte le attività fungono per il progetto della nostra vita. Una volta capito il percorso, F dà la possibilità di pianificare ed arrivare a ciò che c’eravamo prefissi di fare.

Il comportamento del buon F è il “canto eroico” (Odino-Achille).

La fase del L è importante nei bambini, per far imparare dagli eroi e non dai vari fumetti (es. topolino) ecc.

La fase creativa cresce con noi, quindi se è repressa nei bambini, il tutto si ripercuoterà nella fase adulta.

Disarmonie – timidezza o aggressività, in mezzo c’è la SOCIALIZZAZIONE.

I comportamenti eccessivi ci rendono insensibili al dolore che sentiamo anche fisicamente (costruendo una corazza) ed arriva sino al F fino a quando anch’esso non riesce più a depurare il sangue.

Il rilascio dell’energia e delle emozioni sono impari. Il F elabora e rilascia al bisogno.

La stagnazione di energia Legno dà perdita di vitalità.

Sbalzi di umore, inconsistenza emozionale, pensare a qualche cosa e piangere (sindrome premestruale), lunatici.

L’emozione più caratteristica del F è la Rabbia.

Il F ci rende sensibili agli altri. Nelle disarmonie di F, gli altri si modificano a seconda del nostro umore

F= fisicità   TR =sente e rapporto recettivo tattile

F =sente rapporto fisico verbale

Disarmonie: scorrendo intorno ai genitali, influisce su tutti i problemi che sorgono in questa zona che sono dovuti a una mancanza di flessibilità nel corpo e nella mente. Es: gonalgie, impotenza, prostatite; vaginiti, dolore sacro-coccigeo.


FEGATO

ZU JUE YIN

 

Picco di attività dalle ore 1.00 alle ore 3.00

Collegamento energetico con Ministo del Cuore Shou Jue Yin

Area di diagnosi Anteriore - sotto la 12a  costola tra P e VB

Posteriore – sotto la scapola destra

Parola chiave :Energia della vita

·        Relazione con il Ki: fa fluire il Ki tra i meridiani; se non fluisce ci sarà ristagno, che porterà a tensione, frustrazione (azione di feed–back)

·        Fluidi corporei: magazzino di Xue, con rilascio secondo l’uso

·        Tessuti: controlla i tendini, legamenti, unghie

F nutre con Xue –VB nutre con Ki

·        Organi di senso: occhi e vista. lacrimazione ¯¯ per depressione di F

·        Facoltà mentali: sede dello HUN (anima eterica) creatività e capacità di realizzare i progetti

·        Emozione : rabbia

VB- coraggio e spirito di iniziativa              PI- lucidità nel momento della decisione

 

Il meridiano di F è quello che più rappresenta l’energia della vita. E’ la riserva di Xue.

Chiamato il piccolo Yang, come yang che si risveglia, è energia compressa. Quando si muove (sono sempre in movimento F e VB) all’interno del corpo si fa sentire,

ha a che fare con il sangue (che torna al fegato per riposare ®funzione Yin (A) e con il Ki di cui regola il flusso ®funzione Yang (B). Lo Yang è sempre più forte dello Yin (invisibile movimento).

- A - Se in F ristagna il Ki per eccesso (yang), si avranno alcune alterazioni quali:

1.    F lento nel dare Xue quando richiesto

2.    F non dà Xue (deficienza di Xue di F)

3.    F è caldo (renale lo xue caldo)

 

1-    Il dolore e la rigidità (che peggiora con il riposo) perché F è lento a dare Xue (classico del mattino, difficoltà ad iniziare)

- deficit di M

2-    sintomi / segni: pelle secca e opaca, capelli secchi, vertigini, insonnia, depressione di F (metallo), poca memoria (poco shen), visione distorta (vedere male in primavera), unghie fragili, tendini deboli.

3-    muove il sangue in modo violento. Epistassi, mestruazioni lunghe, emorroidi, orticaria, prurito. A chi avesse questi problemi, dare frutta prima di dormire e digiunare per un giorno la settimana per togliere il calore dal F

- B- Quando il F lavora nel modo giusto, il flusso di Ki è rilassato e fluido. Quando invece ristagna o non c’è un buon flusso ci saranno gonfiori in tutto il corpo, umore con alti e bassi, depressione, irritabilità premestruale con dolore ai seni. Difficoltà alla deglutizione (nodo in gola). Dolori addominali M, nausea e singhiozzo F, diarrea GI, affanno P.

Lo stato emozionale modifica lo stato fisico. Quando c’è stagnazione di Ki, c’è la possibilità di cambiare, ma se a stagnare è lo Xue, ci saranno problematiche più serie. Chi fa tecniche energetiche si ammala ma è più veloce la trasformazione con precoce risoluzione della malattia.

Il F è l’organo più colpito dalle emozioni. Il Legno esprime il SE’ INDIVIDUALE. Dovendo reprimere il sé, reprimiamo la funzione Legno. La disarmonia del sangue e del Ki del F bloccano il fluire del Ki, provocando l’incapacità di rinnovamento. La repressione piuttosto che l’espressione provoca problemi, rabbia e risentimento repressi. La depressione contiene il fattore emozionale che ha creato la stagnazione del Ki di F.

Coloro che assumono psicofarmaci, bloccano lo Shen collegato al cuore, per allontanarsi dalla causa emozionale che li ha portati alla depressione; si deve portare l’attenzione su questa parte.

Tutti i problemi di vista sono collegati alla deficienza del sangue di fegato.

® funzione YANG: a livello emozionale indica il diritto di esistere

® funzione YIN: del sangue di F incarna la sensibilità, vulnerabilità, irrequietudine, per ciò che concerne il sangue di cui F è il ricettacolo e il deposito. Se c’è una deficienza dello Yin, non è permessa la buona circolazione dello Yang, che è spedito verso l’alto determinando: cefalea, irritabilità (R debole geneticamente), vertigini.  Lo Yin diventa Yang.

Questo Yin è la sensibilità, il tenere a freno lo Yang se squilibrato.

L’Acqua è la madre del Legno. Se la madre ha un R debole e il padre un F debole è probabile che il figlio abbia forti depressioni o irrequietezza mentale.

I tendini sono il tessuto collegato al Legno (e i muscoli all’Acqua).

Se il sangue di F è deficiente si verificheranno strappi muscolari a ripetizione. Se c’è deficienza di Ki si avrà rigidità alle articolazioni, ed anche le unghie si sfalderanno.

E’ da attribuire a deficit di F anche l’abuso della vista (computer tutto il giorno).

HUN è l’anima in F, come PO è l’anima in P. (entra nell’essere umano con il primo inspiro, esce con l’ultimo espiro).

E’ l’anima che sopravvive al corpo, collegato alla famiglia ed agli antenati, influenzato dal ricordo dei discendenti. Hun segue lo Shen nell’andare e venire. Può lasciare il corpo quando compie viaggi astrali.

Quando il sangue di F è debole Hun può restare fuori del corpo e dare luogo a fenomeni di chiaroveggenza e/o schizofrenia.

E’ la nostra anima creativa legata all’inconscio a cui però possiamo accedere.

L’energia di F può dare coerenza, ma all’eccesso porta a intransigenza. Favorisce l’autocontrollo.

E’ la sfera del pensiero continuo come il superlavoro organico, difficile da fermare, da la

possibilità di fare più piani e di realizzarli, ma appena può porta fuori del mondo reale.


PERCORSO DEL MERIDIANO

 

Gambe:

Inizia all’Alluce, lato esterno o base dell’unghia. Passa in mezzo agli spazi metatarsali del piede a metà tra S e M.

Sul collo del piede passa nella fossetta sul lato interno di quella di S (F4), tra i due tendini della caviglia.

Continua sulla tibia lungo il bordo tra l’osso e il muscolo (1 cun dietro passa il meridiano di M). A 6 cun dal malleolo il meridiano rientra, circonda il condilo della tibia e prosegue nella parte interna della coscia, sotto il muscolo del gracile, arriva ai genitali e li circonda. Poi transita sul bordo della tibia lato interno e il muscolo, sino circa a metà dove si trova una “canaletta” che circonda il condilo della tibia. Entra nel cavo popliteo, passa sotto il gracile nella parte interna della coscia fino ai genitali e li circonda

E’ opposto a VB esterno.

Legato alla potenza maschile, è importante nella cura dell’alcolismo e nella donna alla seconda fase del parto, le spinte.

Torace:

tra M e GI a circa tre cun dal capezzolo, sino a un cun di M20. Arriva nella fossa della clavicola, continua tra SCM e trapezio, congiungendosi a VB sotto la mandibola. Ha un piccolo ramo che taglia sotto il mento.

Braccio:

Posizionare il braccio a 120° (a metà tra MC 90° e C 180°). Si sente a sei cun dal centro dello sterno sul 2° spazio intercostale.

- un cun sopra c’è M20. F scende parallelo in linea mediana del braccio, sotto il bicipite tra C3 e MC3 al gomito. Continua in linea retta sino al polso e termina al lato esterno dell’anulare.

- Si può vedere se c’è squilibrio di F se, piegando il polso all’ingiù, si forma una rigonfiamento dove transita il meridiano.

Collo:

Tra PI e VB (collega sotto l’orecchio)

Area di Diagnosi Posteriore:

VB si trova tra D8 e D9 a destra. F si trova un po’ più sotto la scapola destra.

Area di Diagnosi Anteriore:

Sotto l’area di diagnosi di VB a dx, dove c’è l’organo.


TRATTAMENTO

 

Ricevente in posizione supina, con la pianta del piede appoggiata sopra il ginocchio.

·        Op. mano madre sull’hara in seiza bassa

Trattare con palmo (in percezione) sotto il gracile; ripetere il passaggio con pollice, ginocchio appoggiato con sostegno all’esterno.

·        Trattare con pollice F8 (cavo popliteo), la “canaletta che unisce il cavo popliteo alla tibia e fino a M6 (l’incontro dei tre Yin: F-M-R), trattandolo con pollice sulla tibia.

·        Op. in seiza scavalcata Lavorare il piede e pinzare F3 (tra l’alluce e il 2° dito), con sostegno al tallone.

·        Lavorare con i due pollici sovrapposti nella zona delle articolazioni.

Raddrizzarsi esternamente alla gamba

 

·        Area di diagnosi: una mano è ferma come sostegno, l’altra sonda l’area di diagnosi

Torace e braccio

·        Op. in Arciere; prende la mano del Ric. e stira (portando peso) il braccio verso di sé.

Mette poi una delle proprie mani sotto la spalla del Ric., e con l’altra appoggia il braccio del Ric. a 120°, così si forma una linea tra l’area di diagnosi e l’anulare.

·        Op. in seiza, con pollice da un cun sotto M20, passare a 3 cun dal capezzolo e scendere fino all’area di diagnosi.  Da M20 passare sotto il grande pettorale e scendere sotto il bicipite sino al gomito e sull’avambraccio.

·        Girare la testa del Ric. a lato e risalire da M20 lungo il collo (taglia il muscolo, fino al collo e alla mandibola).

 


VESCICOLA BILIARE

Zu Shao Yang

 

Picco di attività dalle ore 23.00 alle ore 01.00

Collegamento energetico con TR Shou shao Yang

Parola chiave: Chiarezza e decisione

·        Relazione con il Ki: aiuta il F nella regolazione del flusso di Ki

·        Tessuti: controlla i tendini attraverso il Ci

·        Facoltà mentali: Da coraggio e iniziativa nel processo decisionale

·        Fluidi: Conservazione ed escrezione della bile

E’ l’unico meridiano che non prende ne emette niente all’esterno.

E’ l’unico organo cui sono attribuite qualità spirituali e mentali. Aiuta il F ma ha azione prevalentemente sul Ki. E’ uno dei grandi meridiani posturali, sostiene il fianco.

Il Legno controlla i tendini ed è importante nei problemi posturali. VB produce, immagazzina e secerne la bile. Distribuisce il Ki al F nella regione addominale, se ristagna si creano disturbi ai vari organi. VB è un organo dal liquido puro, chiaro (importante per la funzione di chiarezza). Tra quella mentale, ha il compito di DECIDERE in modo CHIARO ed IMMEDIATO, dando coraggio e spirito di iniziativa durante il processo decisionale: tutti i progetti si basano su una serie di decisioni.

VB è vista come il Palazzo della Pulizia. Rende organizzativamente tutto a posto. Ordine eccessivo, o mancanza di organizzazione sono chiari segni di squilibrio della sua funzione.

Se l’energia legno è incanalata, si verifica che la spontaneità, diventa rigidità.

Quando si prendono decisioni si prendono rischi, si osa. Se la bile è deficiente, c’è riluttanza a prendersi carico dei rischi.

Il meridiano, inizia negli occhi, governa i tendini e i muscoli; ossia rende esecutiva la nostra decisione. Rende possibile la visione della possibilità e l’esecuzione della stessa traducendola in realtà. Se l’elemento Legno è troppo, o troppo poco attivo, vi saranno problemi muscolo-tendinei. Per esempio: VB Jitsu e C kyo = artrite reumatoide.

A livello mentale, descrive la flessibilità, la coordinazione, l’equilibrio.

Prosegue alla testa, collo, fianchi.

Squilibri di VB danno: mal di testa laterali, problemi di vista, contrattura delle spalle, continui inciampi


 

Per MASUNAGA, sono sintomi legati alla digestione.

Il F prende le decisioni dall’interno

La VB prende decisioni più rapidamente

Le due metà del corpo dx e sx non sono uguali; se il viso è molto diverso tra la dx e sx, significa che coesistono personalità diverse con il possibile tentativo di sopprimere una delle due parti (scissione della personalità).

Le due parti si congiungono nel sacro, dove c’è un ramo interno di VB (sintomo: sciatica).

VB controlla le secrezioni dei succhi digestivi e i succhi di pancreas e milza.  Se vi sono disfunzioni ci potrà essere: nausea, costipazione, flatulenza.

E’ in grado di regolare gli ormoni tiroidei a livello ematico. VB deve prendere decisioni, deve avere una visione chiara, oculata, imparziale. Se ci si lascia influenzare dalle sensazioni personali, VB potrà essere discordante, dando luogo a:

- grandi indecisi                        - decisioni affrettate e sbagliate

- sensazione di pressione           - bisogno di scappare

- estrema attenzione per il dettaglio

- decisioni avventate circa il proprio futuro e il benessere proprio e altrui

- avere il senso della misura, vedere le cose per quello che sono, capire di essere imparziali.

VB = Capacità di prendere decisioni eque ed imparziali all’interno di un progetto generale.

E’ messa a dura prova tutte le volte in cui dobbiamo pensare a più cose contemporaneamente. Si corre il rischio di iniziare molte cose, senza portarne a compimento neanche una, totale incapacità a concludere o perfetta efficienza.


 

PERCORSO DEL MERIDIANO

 

Testa:

VB 1 – Punto all’angolo alla fine dell’occhio, attraversa la guancia fino al punto più basso dell’orecchio, VB 2. Un ramo contorna l’orecchio VB20 fossa all’altezza dell’occipite. Passa ad 1 cun sotto S8 (VB4) e termina a 1 cun nella fossetta sopra il centro del sopracciglio VB14. Da VB14 il meridiano torna indietro a VB19 (si trova cercando la fossetta centrale della nuca VB16; 1 cun sopra questa c’è VG 17.

“Tirando” una linea diritta e si collega a VB 20. Da qui stirando la spalla verso il basso appare una fossetta alla radice del collo VB21.

Continua lungo il bordo dell’osso fino alla fossetta tra SCM e Trapezio, VB20.

Inizia dai capelli, sale sin dove il tetto del cranio inizia ad incurvarsi, fino ad un punto sulla fronte ad 1 cun sopra la metà del sopracciglio, VB14.

Si prende a riferimento S8, un cun sopra transita VB e si congiunge con VB19.

Sopra VB20, cercare la colonna dove infossa il cranio, c’è VB16; un cun sopra VB17.

Tirare una linea diritta da lì sino sopra VB20, si trova VB19 che poi si collega a VB20.

Laterale:

Scende lungo la spalla, al termine del collo c’è VB21, punto molto doloroso.

Da lì va verso la scapola, la circonda fino a 3/4, passa sopra la scapola fino ad un punto a due cun sopra l’ascella con il braccio piegato indietro.

Braccio:

Taglia tutti gli altri meridiani fino alla punta del deltoide, poi arriva al condilo laterale esterno e scende centralmente fino al 3°dito, il medio.

Tronco:

Secondo Masunaga, VB25 è sulla 11° costa; secondo la MTC, VB25 è sulla 12° costa.

Per trovare la 11° costola, ci si mette in piedi con il gomito flesso.

A livello del fianco, dove si trova il gomito, è l’11° costola. La 12° è più in dietro.

Per Masunaga, una linea diritta dal punto della spalla, a quello para ascellare, poi si sposta un po’ in dietro sino a VB25.

Per l’MTC, passa davanti alla spalla e scende a “zig –zag” fino a VB25, punto SHU di R.

Fianco:

Ric. In laterale. Trovare il punto più sporgente del sacro. Trovare la testa del femore; La distanza viene divisa in tre parti uguali. Si trova un punto alla fine del primo 1/3, vicino alla testa del femore c’è VB30, importante nelle paralisi. Si scende diritti sino a VB25.

Gambe laterali:

Si segue la linea diritta a metà della coscia, passa sulla testa del femore, scende diritto davanti al malleolo VB40, sino al 4° dito lato esterno.

Area di diagnosi:

·        Dorso: scapola dx, vicino all’ascella, sotto la scapola c’è l’area di F. Alla fine della scapola tra D8 e D9, si trova l’area di VB.

·        Addome: sotto lo sterno c’è l’area di C, un po’ più sotto e più a dx sotto le coste, si trova l’area di VB.


 

TRATTAMENTO

 

In posizione laterale.

·        Op. in Arciere laterale, Stirare la spalla (si evidenzia una linea che porta a VB20, trattare con pollice.

·        Op. in Seiza dietro la testa del Ric., Stirare la spalla, poi pressione di pollice e gomito.

Ruotare la scapola. Mano madre sulla spalla, mano figlia con pressione di “indice-pollice”, lavora attorno alla scapola. Stirare la scapola verso l’alto con le dita infilate sotto l’osso.

·        Premere con pressione di palmo sulla testa nelle tre posizioni.

Braccio:

·        Stirare, con palmo su braccio e con pollice su avambraccio, poi lavorare anche le dita della mano.

Fianco:

·        Estendere il braccio dietro la testa; lavorare il fianco con le mani a “bocca di tigre” e con i pollici.

Mano sull’anca, come sostegno, lavorare la coscia con gomito

·        Op. dietro le gambe, pressione di palmo e gomito sulla coscia.

Sulla gamba, palmo, pollice, gomito

·        Importanti gli stiramenti: sacro-scapola, gamba indietro e braccia avanti.

Supino

·        Op. in seiza dietro la testa, Aprire le spalle e premere su VB21. Una mano sulla testa, una mano che segue il meridiano sino a dove si è perpendicolari. Mano sotto, pollice sul meridiano alla testa, VB14.

Stirare la testa con le mani sotto la nuca e spremere in laterale.

Ric. (espirando) Op. con mani incrociate sulle spalle alza la testa del Ric.

Braccio:

·        Allungato vicino al corpo, pressione di pollice e ginocchio sull’avambraccio fino al terzo dito.

Gambe:

·        Piede appoggiato al ginocchio, stirare verso l’interno con pressione di palmo, pollice, gomito e ginocchio (sulla coscia), e palmo, pollice sulle gambe sino al 4° dito.


 

PUNTI IMPORTANTI:

VB 04  – un cun sotto S8

VB 19  – sopra VB20 tirando una linea da VB17

VB 20 – fossetta occipitale tra SCM e trapezio

VB21 – sul colmo della spalla

VB25 – sulla punta della 12° costola

VB26 – sulla punta dell’11° costola  punto Shu

VB30 – sul gluteo

VB34 – subito sotto il perone  per i cicli mestruali

VB40 – davanti al malleolo esterno

VB44 – tra il 4° e 5° dito dove finiscono i tendini

VB45 – all’unghia del 4° dito